• L’iniziativa Quorum Zero e Più Democrazia e il senatore Oskar Peterlini

    14 Marzo 2012 // Nessun commento »

    di Paolo Michelotto
    Fabio Castellucci ha scritto dell’Iniziativa Quorum Zero e Più Democrazia al sen. Oskar Peterlini che è il primo firmatario di una iniziativa di legge sulla Democrazia Diretta depositata in senato, da cui abbiamo preso spunto all’inizio del nostro percorso.

    Ecco la sua risposta:

    Ho sollecitato la ripresa dei lavori sui ddl riguardanti il quorum dei referendum e principi di democrazia diretta, in Presidenza della Commissione Aff. Costituzionali scorso mercoledi, 7. marzo.

    Il Presidente Carlo Vizzini mi ha assicurato che se ne terrà conto.
    Ma vediamo.
    La raccolta di firme è importante.
    Cari saluti
    Oskar

    Postato in democrazia diretta, iniziativa di legge popolare

    Progetto di Legge del Sen. Peterlini per introdurre il referendum stile svizzero in Italia

    5 Aprile 2009 // 4 Commenti »

    oskar peterlini

    oskar peterlini

    di Paolo Michelotto

    il Sen. Peterlini ha presentato in questi giorni un disegno di legge per introdurre anche in Italia i referendum stile svizzero. E’ un progetto sostenuto dagli amici di Iniziativa Più Democrazia di Bolzano e dovrebbe essere sostenuto da tutti coloro che si battono per avere una democrazia più vera, dove i cittadini contino davvero qualcosa. Ecco il testo integrale del disegno di legge.

    Qui trovi il testo in formato documento.

    Download disegno di legge sen. Peterlini per introdurre i referendum stile Svizzero in Italia Version 1

    Qui il testo:

    DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

    d’iniziativa del Senatore PETERLINI

    Modifiche agli articoli 70, 71, 72, 73, 74, 75 e 138 della Costituzione, in materia di formazione delle leggi e revisione della Costituzione. Introduzione dell’iniziativa legislativa popolare e dell’iniziativa legislativa costituzionale.

    Onorevoli Senatori. – I diritti referendari in Italia spesso sono identificati con i referendum abrogativi, la cui storia è iniziata 35 anni fa col referendum sul divorzio, nel 1974, seguito da altre 13 tornate referendarie con 59 altri quesiti referendari nonché da due referendum confermativi costituzionali (del 2001 e del 2006). Nei casi citati si è trattato sempre di referendum abrogativi e, nella prospettiva di una democrazia diretta, moderna ed integrale, si rischia in questo modo di ridurre lo strumento referendario ad un unico tipo di referendum, che all’interno della democrazia diretta non è certamente quello più importante. La democrazia diretta, invece, è un concetto ben più ampio rispetto i limitati diritti referendari oggi presenti in Italia. L’Assemblea costituente del 1947 non ha voluto affidare all’elettorato italiano gli strumenti dell’iniziativa legislativa popolare con votazione vincolante e quelli del referendum confermativo facoltativo per le leggi ordinarie dello Stato, per non parlare dell’iniziativa popolare costituzionale. Dopo 60 anni di Repubblica bisogna iniziare a rimediare a questa carenza. (continua…)

    Postato in democrazia diretta, referendum