• Cavallino Treporti (VE) approvato Quorum Zero su Referendum comunali (15 ottobre 2014)

    24 Ottobre 2014 // 1 Commento »

    di Paolo Michelotto

    riporto l’articolo scritto dagli amici Giorgia e Federico che da qualche anno stanno impegnando moltissime loro energie per ottenere strumenti di democrazia diretta più efficaci nei comuni dove abitano.

    lpiu-demo-cavallino

    http://piudemocraziacavallinotreporti.wordpress.com/2014/10/16/cavallino-treporti-approvato-il-quorum-zero-nei-referendum/

    Il Comune di Cavallino-Treporti ha approvato all’unanimità la modifica dello Statuto nella parte riguardante gli strumenti di democrazia partecipata, inserendo  il “quorum zero” per la validità dei referendum. Un risultato storico arrivato dopo un percorso durato 1 anno, frutto di un lavoro fatto tra maggioranza, opposizione e cittadini che ha permesso di avere un documento condiviso da tutti.

    Un piccolo passo per il nostro Comune, un salto da gigante per avere Più Democrazia!

    .
    Il nostro comitato è assolutamente soddisfatto del risultato raggiunto, che ha permesso così alla nostra cittadina di mettersi in linea con i paesi democratici più avanzati, così come altri comuni italiani che negli ultimi 5 anni hanno rinnovato i propri strumenti di democrazia diretta e partecipata. Per questo vogliamo ringraziare pubblicamente maggioranza e opposizione per l’ottimo lavoro svolto ed il dialogo continuo che ci ha permesso di lavorare insieme in maniera propositiva per raggiungere il traguardo.
    .
    Tra le altre novità inserite nel nuovo statuto vogliamo ricordare il voto allargato a chi, avendo compiuto 16 anni, sia residente oppure lavora o studia nel comune , l’inserimento della “proposta di delibera popolare”, dei referendum consultivi o propositivi col 5% di firme e dei referendum abrogativi con il 10% di firme , la verifica della validità legale del referendum prima della raccolta firme, l’ampliamento delle consulte, i tempi certi per avere risposte alle istanze/petizioni/proposte.
    .
    Adesso per completare il lavoro serve solo approvare il regolamento attuativo, dove saranno descritte in dettaglio tutte la varie fasi, come ad esempio le modalità di raccolta firme, di autentica, di svolgimento del voto e di informazione. Da parte nostra siamo pronti a portare le nostre proposte, che riguarderanno soprattutto l’uso degli strumenti web, il numero di firme necessarie per le petizioni e le proposte e per snellire la burocrazia il più possibile.
    ” La democrazia è il governo del popolo, dal popolo, per il popolo. “
    Qui di seguito il video del consiglio comunale con l’approvazione delle modifiche (dal minuto 42:04):

    Postato in democrazia diretta, quorum

    Più Democrazia a Cavallino Treporti (VE) incontro sulla Democrazia Diretta con Annamaria Macripò

    5 Novembre 2012 // 1 Commento »

    di Paolo

    mercoledì 7 novembre a Cavallino Treporti ci sarà un incontro sulla Democrazia Diretta, organizzato dagli amici Federico e Giorgia e con relatrice Annamaria Macripò.

    Ecco il manifesto con tutti i dati:

    parola ai cittadini 7 novembre 2012

    Postato in democrazia diretta, parola ai cittadini

    L’Islanda sta arrivando a Cavallino -Treporti (VE)?

    18 Agosto 2011 // Nessun commento »

    di Paolo Michelotto

    Federico Bonollo mi ha mandato il 6 agosto una splendida notizia in questa triste fine estate. A Cavallino – Treporti forse utilizzeranno il metodo islandese per realizzare il nuovo regolemento sui referendum.

    cavallino treporti

    il comune di Cavallino-Treporti vuole fare il “regolamento sulla partecipazione” (che manca) con gli strumenti della D.D.! Hanno 3000 Euro da investire e l’assessore aspetta una proposta.

    Io avevo fatto partire una petizione online chiedendo di farla “all’islandese” e …hanno accettato!

    Per adesso martedì ho un appuntamento e vorrei intanto portargli 1 proposta generica, per poi approfondire nei dettagli…

    Quando sono tornato, gli ho chiesto come è andata. Ecco la sua risposta:

    L’assessore è entusiasta del progetto e vuole farlo.

    Io ho solo chiesto che il regolamento fatto dai cittadini dovrà essere ratificato dal consiglio e non usato come semplice “proposta”, magari da modificare a loro piacimento! Il sindaco era dubbioso ma mi rispondono entro qualche giorno.
    Ti sapro’ dire appena possibile!


    - Di seguito il progetto provvisorio che gli ho spedito:
    1) conferenza su: democrazia diretta e forme di partecipazione popolare
    con stampa di un opuscolo informativo da mandare a tutti i capofamiglia/stakeholders
    2) town meeting di apertura lavori
    discussione dei vari argomenti da cui nascerà la prima bozza con tutte le proposte.
    3) assemblee specifiche su ogni argomento
    da 1 a 5 assemblee in base al mandato ricevuto dalla giunta, con scrematura delle proposte (quorum 90-100%)
    4) opuscolo finale con proposte rimaste
    5) assemblea plenaria di chiusura lavori
    con votazione finale delle proposte. (quorum 75-80-100%)
    6) ratifica in consiglio comunale
    con quorum 75-80-100%, oppure si rimanda ad un referendum.

    Il tutto teletrasmesso su internet, con l’uso di sondaggi d’opinione e servizi periodici sulla tv-giornale locale-web.

    Postato in democrazia dal basso in Italia, democrazia diretta, referendum