3,118 views
  • Gli stranieri e il voto in Svizzera

    25 Maggio 2009

    Tags:
    Postato in: democrazia svizzera

    lo straniero

    lo straniero

    di Paolo Michelotto
    riporto qui un contributo molto interessante di Paolo Fabbri, che ha avuto un’esperienza come insegnante in Svizzera per 20 anni. Gli stranieri come regola, non votano in Svizzera. Ma, visto l’estremo livello di federalismo e di diversità di leggi, in 2 cantoni ciò avviene, e in molti comuni. Ecco i dati con maggior precisione. E’ interessante notare che spesso in Svizzera l’introduzione delle novità avviene così. Prima nei comuni, poi nei cantoni e infine a livello federale. All’inizio lentamente, quasi sempre tramite strumenti di democrazia diretta.

    Queste notizie sono prese soprattutto da siti svizzeri

    http://de.wikipedia.org/wiki/Ausl%C3%A4nderstimm-_und_-wahlrecht

    www.auslaenderstimmrecht-bs.ch

    Diritto di voto agli stranieri in Svizzera
    In Svizzera vivono circa 1 milione e mezzo di stranieri, cioè il 20% della popolazione, senza considerare i diplomatici (in questo caso il numero sale a oltre 1 milione e 600.000 persone, pari al 22% della popolazione totale). Il 90% degli stranieri è d’origine europea (soprattutto Italiani, Serbi, Portoghesi, Tedeschi).
    Il diritto di voto è negato a livello federale, mentre a livello cantonale è concesso solo nei cantoni di Neuchâtel (dal 2000) e Giura (dal 1978). Numerosi sono invece i Comuni in cui gli stranieri possono esercitare il diritto di voto attivo e precisamente:

    tutti i Comuni del canton Neuchâtel,

    tutti i Comuni del canton Giura,

    tutti i Comuni del canton Friburgo,

    tutti i Comuni del canton Vaud

    tutti i Comuni del canton Ginevra (solo per le iniziative popolari),

    3 Comuni del canton Appenzel AR,

    6 Comuni del canton Grigioni,

    Canton Basilea città (per i referendum facoltativi)
    Nel 2007 il parlamento del canton Berna si è espresso contro il diritto di voto agli stranieri.
    Il diritto di voto passivo (cioè il diritto di essere eletti) esiste nei Consigli comunali dei seguenti cantoni:

    - Giura,
    - Vaud,
    - Friburgo,
    - Grigioni,
    - Appenzell AR
    Nel canton Babilea – città è attualmente al vaglio delle autorità cantonali una iniziativa popolare lanciata nel 2007 e presentata a marzo di quest’anno, che prevede una modifica della costituzione cantonale.

    Si chiede che venga aggiunto il seguente articolo:

    I residenti nel Cantone, non in possesso della cittadinanza svizzera, hanno il diritto di voto se risiedono da almeno 5 anni nel cantone e se hanno il permesso di soggiorno permanente (Niederlassung)

    La commissione cantonale presenterà prossimamente tale iniziativa al Parlamento del Cantone, che prenderà posizione in merito e la sottoporrà al referendum popolare.

  • Commenti recenti

    • Mario Realini ha scritto

      1

      Il voto agli stranieri torna d’attualità, di tanto in tanto, anche perchè, come è stato scritto la percentuale di non svizzeri è elevata: superiore al 21% secondo gli ultimi dati… al punto che i problemi italiani (con il 6% di stranieri) a noi fanno sorridere. Ma la situazione storica è anche molto diversa. Chi vuole dare il voto agli stranieri sostiene che, tutto sommato pagano le tasse come gli altri, senza distinzione, e hanno diritto ad usufruire delle strutture comuni. Chi è critico sostiene al contrario che chi apprezza il Paese (soprattutto i suoi aspetti politico/istituzionali) debba avere anche il “passaporto rosso”. Io sono di questa seconda idea. In ogni caso: dai dati riportati sopra risulta che il voto agli stranieri è dato soprattutto in cantoni progressisti come Neuchatel e Giura… con eccezioni. Per quanto riguarda la Svizzera italiana segnalo che il nuovo comune di Bregaglia (valle omonima confinante con la provincha di SO) ha concesso il voto agli stranieri (solo livello comunale!) a partire dal 1. gennaio 2010.

      09/4/09 11:37 AM | Comment Link

    Scrivi un commento

    Email (non verrà pubblicata) (obbligatorio)